John Szarkowski è stato accreditato di cambiare il volto della fotografia negli occhi del pubblico americano. Fu uno dei primi a dimostrare che la fotografia era tanto una forma d’arte quanto la pittura e la scultura e meritava lo stesso riconoscimento.

All’inizio

Nato Thaddeus John Szarkowski il 18 dicembre 1925, ad Ashland, nel Wisconsin, aveva 11 anni quando per la prima volta prese una macchina fotografica e riconobbe il suo amore per la fotografia. L’amore è rimasto con lui e ha perseguito la fotografia insieme alla pesca alla trota e al clarinetto, che erano i suoi veri amori.

Dopo essersi diplomato al liceo, Szarkowski ha frequentato il Università del Wisconsin, ma i suoi studi furono interrotti a causa della sua chiamata a prestare servizio nell’esercito durante la seconda guerra mondiale. Dopo aver completato il periodo di servizio nel servizio, Szarkowski è tornato al college nel 1947 per conseguire la laurea. Si è laureato in storia dell’arte e ha suonato il clarinetto di seconda scelta per il Madison Symphony Orchestra

Inizia la sua carriera

Dopo la laurea, Szarkowski ha iniziato la sua carriera come fotografo di museo presso il Walker Art Center a Minneapolis. Era stato un fotografo d’arte praticante durante tutta la scuola e nel 1949 ricevette la sua prima mostra personale nello stesso museo. Szarkowski ricevette due borse di studio Guggenheim, che gli permisero di dedicarsi a una varietà di soggetti fotografici. 

Il Museo di Arte Moderna

Nel 1962 l’allora curatore del Museum of Modern Art, Edward Steichen, offrì la posizione a Szarkowski, che accettò con gratitudine l’offerta. Quando Szarkowski arrivò al museo aveva 37 anni ed era già un fotografo esperto che aveva pubblicato due libri con le sue fotografie. I suoi libri, “L’idea di Louis Sullivan” (1956) e “The Face of Minnesota” (1958) furono estremamente ben accolti. Non ascoltato per un libro di fotografia, il suo secondo libro “The Face of Minnesota”, è atterrato Il New York Times elenco dei best-seller per diverse settimane.

Quando è subentrato, nessuna galleria di New York esponeva fotografie d’arte. Scrisse Specchi e finestre: fotografia americana dal 1960. Il concetto del suo libro era di spiegare due stili di fotografia. Lo stile Mirror si concentrava sulla fotografia autoespressiva e sullo stile di Windows che coinvolgeva i fotografi fuori dagli schemi ed esplorare nuovi stili ed elementi fotografici. 

Nel 1973 Szarkowski ha continuato a pubblicare un altro libro, Guardando le fotografie, che includeva esempi su come scrivere correttamente sulla fotografia. Ad oggi questo libro è ancora richiesto per gli studenti di fotografia d’arte.

Swarkowski ha trascorso quasi tre decenni al MOMA. Durante questo periodo, è stato responsabile di portare l’attenzione su alcuni dei più grandi fotografi del nostro tempo. È stato Szarkowski a presentare per la prima volta la brillantezza di Diane Arbus, Lee Friedlander e Garry Winogrand in una mostra collettiva che ha presentato le fotografie di tutte e tre le icone. All’epoca era considerata una mostra innovativa, a causa del contenuto e dell’aspetto delle fotografie. Questa è stata la prima volta che sono state esposte le foto che riproducevano istantanee nel loro stile e aspetto casual.  

Nel descrivere le foto della mostra, Szarkowski ha notato che fino a questo spettacolo lo scopo della fotografia era stato quello di mostrare cosa c’era di sbagliato nel mondo. Questo particolare spettacolo ha segnato un enorme cambiamento in questo approccio. “Negli ultimi dieci anni una nuova generazione di fotografi ha diretto l’approccio documentario verso obiettivi più personali”, ha scritto. “Il loro scopo non è stato quello di riformare la vita, ma di conoscerla”.

Agli occhi dei media, le scelte di Szarkowski non sono state sempre soddisfatte da recensioni positive. Un’altra mostra organizzata da Szarkowski al Museo, nel 1976, ha introdotto il lavoro di William Eggleston, il cui uso del colore saturo si scontrò con la fotografia fine-arte in bianco e nero del tempo. Lo spettacolo, “William Eggleston’s Guide”, è stato ampiamente considerato il peggiore dell’anno in fotografia.

Una delle recensioni ricevute da Hilton Kramer in The Times ha dichiarato: “Mr. Szarkowski getta tutte le cautele ai venti e parla delle foto di Eggleston come “perfette”, ha scritto. “Perfezionare? Perfettamente banale, forse. Perfettamente noioso, certamente. “Ancora una volta Szarkowski è stato dimostrato giusto negli anni a venire Eggleston sarebbe diventato un pioniere della fotografia a colori.

Il suo lato personale

Un anno dopo il suo arrivo a New York per prendere posizione con il MOMA, Szarkowski sposò Jill Anson, un architetto e insieme avevano due figlie, Natasha e Nina e un figlio che morì all’età di 2 anni. 

Nel 2005 a Szarkowski è stata presentata un’esposizione retrospettiva delle sue fotografie, che è stata inaugurata al Museo di Arte Moderna di San Francisco. La mostra ha viaggiato attraverso il paese e si è conclusa al Museum of Modern Art nel 2006. Alcune delle sue foto più rispettate sono semplici immagini semplici di edifici, strade e natura, qualità che ha spesso propagandato nel lavoro di altri. 

Quando ha chiesto a un giornalista come si sentisse di esibire le proprie fotografie, ha dichiarato: “Come artista, guardi il lavoro di altre persone e scopri come può essere utile a te”, ha detto. “Sono contento che molte di queste foto saranno interessanti per altri fotografi di talento e ambizione”, ha detto. “E questo è tutto ciò che vuoi.”

Szarkowski ha insegnato a Yale, Harvard, Cornell e NYU e ha continuato a tenere conferenze e insegnare per tutta la sua carriera. Si ritirò dal Museum of Modern Art nel 1991 e usò ancora una volta il suo tempo per dedicarsi alle sue personali ricerche fotografiche. 

Swarkowski è morto nel 2007, all’età di 81 anni, a Pittsfield, nel Massachusetts, da complicazioni derivanti da un ictus.