HomeNumismaticaNozioni di base sul collezionismo di moneteLa moneta EID MAR Denario - Attenti alle idi di marzo

La moneta EID MAR Denario – Attenti alle idi di marzo

Una delle monete più famose di tutti i tempi è il denario EID MAR emesso da Marco Giunio Bruto nel 43/42 a.C. Quando Giulio Cesare attraversò il Rubicone, gettò Roma in più di tre anni di guerra civile, eliminando i suoi avversari lungo la strada. Nel 49 aC, molti importanti cittadini, tra cui una sessantina di senatori romani, erano venuti a vedere Cesare come un acchiappatore di potere che voleva farsi re. Questo stato di cose era una situazione inaccettabile per uomini come Bruto, che desideravano conservare la loro amata Repubblica.

i liberatori

Bruto, che era un amico fidato di Cesare, cospirò con un gruppo di suoi colleghi senatori per assassinare Cesare. Questo gruppo di cospiratori si chiamava Liberatores o Liberators. Credevano che avrebbero liberato la Repubblica Romana dalla minaccia della tirannia da parte di un monarca se avessero potuto rimuovere Giulio Cesare dal potere.

L’assassinio di Giulio Cesare

Nel 44 a.C., il 15 marzo, un giorno conosciuto nel calendario romano come le idi di marzo, Bruto e i suoi cospiratori colpirono. Usando i pugnali che avevano nascosto sotto le loro tuniche, volarono su Cesare sotto una pioggia di colpi di coltello, pugnalandolo almeno 30 volte. Quando Cesare si rese conto che il suo buon amico Bruto era tra i suoi assalitori, chiese: “Et tu, Brute?” (“Anche tu, Bruto?”). Mentre Cesare giaceva morto sui gradini del portico, Bruto gridò giubilante: “Popolo di Roma, siamo di nuovo liberi!”

Leggi anche  Cos'è un Planchet?

La guerra civile romana continua

Sfortunatamente per Bruto, il popolo in generale era molto affezionato a Giulio Cesare. Marco Antonio (Marco Antonio) approfittò della breccia nella leadership e condannò a gran voce le azioni di Bruto. Bruto fu costretto a fuggire da Roma con i suoi soldati. Dopo diversi scontri militari, le forze di Bruto caddero su Marco Antonio e Ottaviano (che in seguito divenne Cesare Augusto) nel 42 a.C. Bruto si suicidò prima di poter essere fatto prigioniero.

Leggi anche  Una definizione di lucentezza alla menta

L’antico denario romano – La paga di un soldato

La valuta romana consisteva principalmente di oro, argento, bronzo e rame. Roma iniziò a coniare monete nel III secolo aC e continuò per diverse centinaia di anni. In questo tempo con tanti cambi di denominazione e composizione. In tempi economici difficili, Roma allungò la sua produzione diradando i propri metalli preziosi con metalli vili come rame e zinco. Questo era noto come svilimento. Tuttavia, a causa della sua potenza economica e longevità, la valuta romana fu ampiamente utilizzata in tutta l’Eurasia e nell’Africa settentrionale fino al Medioevo.

Gli antichi comandanti militari romani come Bruto dovevano pagare i loro soldati, e generalmente lo facevano con una moneta d’argento chiamata denario. Hanno spesso coniato la propria moneta, in laboratori di zecca che hanno viaggiato con l’esercito. Spesso usavano queste monete come mezzo di propaganda o per commemorare vittorie significative. Nel caso di Bruto, emise una serie di monete d’oro e d’argento per commemorare l’assassinio di Giulio Cesare.

Due pugnali e un berretto da libertà – e il ritratto di un re?

Bruto emise il denario d’argento EID MAR per ricordare ai suoi soldati che combattevano per la Repubblica Romana. Il rovescio della moneta reca le immagini di due pugnali, tra i quali c’è un berretto liberty, antico simbolo di libertà. L’iscrizione recita EID MAR, che significa “Eidibus Martiis” o “le Idi di marzo”. Il messaggio aveva lo scopo di trasmettere che alle Idi di marzo, Bruto liberò i romani.

Leggi anche  Oncia Troy contro Oncia

Tuttavia, qui c’è una curiosa incongruenza: nell’antichità, specialmente nella Roma repubblicana, non era considerato conveniente mettere il ritratto di una persona vivente su una moneta. A volte gli dei venivano raffigurati con una marcata somiglianza con il sovrano reale, ma posizionare audacemente la tua immagine sulle monete significava rischiare di essere visto come un re. Fu la somiglianza di Giulio Cesare sulle sue stesse monete che contribuì a fomentare la ribellione contro di lui. Qui abbiamo Bruto che fa la stessa cosa!

Leggi anche  Oncia Troy contro Oncia

Bruto, imperatore

Il dritto della moneta presenta un ritratto di Marco Bruto. L’iscrizione recita BRVT IMP L PLAET CEST, che significa Brutus, Imperator, Lucius Plaetorius Cestianus. Lucius Plaetorius Cestianus era il danaro che gestiva i lavoratori della zecca che producevano la moneta. Il nome del Moneyer compariva solitamente sulle monete romane repubblicane ed era una sorta di marchio di prova, a garanzia della qualità del metallo. Imperator significava, grosso modo, “comandante militare onorato”.

L’EID MAR Denario – Raro e prezioso

In 100 Greatest Ancient Coins (Seconda edizione) di Harlan J. Berk il denaro EID MAR è elencato nello slot numero uno. Berk nota che la moneta è altamente desiderabile a causa del rovescio che commemora l’assassinio di Cesare. Nota anche che il dritto con il ritratto di Bruto dà la desiderabilità della moneta tra i collezionisti. Combina questo con la ricca storia dell’assassinio di Bruto di Giulio Cesare e hai una moneta antica che è la più desiderabile tra i collezionisti di monete.

Si stima che esistano circa ottanta esemplari di questa straordinaria moneta in argento, di cui due conosciuti in oro. Esemplari d’argento in ottime condizioni sono stati venduti all’asta per $ 120.000 tasse incluse. Gli esempi d’argento di qualità inferiore occasionalmente arrivano sul mercato per circa $ 50.000, il che rende una proposta costosa aggiungere questa moneta storicamente significativa alla tua collezione.

Leggi anche  Una definizione di lucentezza alla menta

Un EID MAR aureus d’oro di Bruto

NGC

Un EID MAR aureus of Brutus d’oro è stato venduto per £ 3.240.000 ($ 4.188.393 USA) il 29 ottobre 2020 stabilendo un prezzo record per qualsiasi moneta antica. Questa particolare moneta è l’unico esempio pubblicamente disponibile di questa rara moneta antica d’oro. Gli altri esemplari in oro sono esposti al British Museum e nella collezione permanente della Deutsche Bundesbank, la banca centrale della Repubblica Federale Tedesca.

Leggi anche  Cos'è un Planchet?