La vera giada può essere di due diversi minerali, giadeite o nefrite. Entrambe le varianti sono pietre dure e lucidissime che non si rompono o si scheggiano facilmente. Vediamo così tanta giada verde che è facile dimenticare che la pietra preziosa si presenta in altri colori. Scopri alcuni fatti più affascinanti su questa antica pietra preziosa e scopri perché è stata così costantemente popolare nel corso degli anni. 

Storia e tradizioni

  • Giada esiste dalla preistoria. I nostri antichi antenati hanno scolpito la giada in vari oggetti per aiutare nella vita quotidiana, come armi, strumenti e oggetti usati durante i rituali. 
  • La giada è considerata la pietra natale per il mese di marzo e il segno zodiacale Scorpione. 
  • La giada è disponibile in due varietà, giadeite e nefrite. La giadeite è considerata più preziosa e preziosa della nefrite per i suoi colori profondi e la trasparenza. 
  • Ad alcuni, si pensa che la giada aumenti la forza del corpo e la resistenza di chi la indossa. In Cina, la giada rappresenta chiarezza e tranquillità. Quando Jade è scolpito, ogni forma raffigura anche un significato diverso sulla pietra. 

A proposito di giadeite

La giadeite è la più rara delle due giade e la più costosa. La maggior parte della fornitura mondiale di giadeite pregiata proviene dalla Birmania, ma i depositi si trovano in Guatemala e in alcune altre aree del mondo.

  • La giadeite si presenta in molti colori, tra cui verde, bianco, lavanda, giallo, arancione, nero e rosso.
  • La giadeite di colore uniforme, traslucido, verde smeraldo è chiamata giada imperiale.
  • La giadeite si colloca a circa 7 sulla scala Mohs, rispetto a 10 per un diamante.
Leggi anche  Un tutorial per realizzare una collana di cristallo senza fine, senza nodi

Informazioni su Nephrite

Il nefrite è più abbondante della giadeite e questo lo rende meno costoso. La provincia dello Xinjiang in Cina ha prodotto la giadeite tradizionalmente utilizzata dagli artigiani cinesi fino a quando i depositi di giada birmana non furono resi disponibili nel 1700. I depositi di nefrite sono stati scoperti in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti.

  • La giada nefrite si trova in meno colori della giadeite.
  • Invece del verde smeraldo brillante, i verdi di nefrite sono spesso grigiastri o chiazzati.
  • Il nefrite si colloca a circa 6,5 ​​sulla scala di Mohs. Poiché è più morbido della giadeite, i pezzi finiti non possono essere così lucidati.

Consigli per l’acquisto di gioielli di giada

  • Cerca pezzi di giada con un colore uniforme dappertutto, anche se alcuni pezzi multicolori sono richiesti
  • I colori intensi di giada sono di solito i più desiderabili.
  • Il verde traslucido dai toni profondi e uniformi è il colore più popolare della giada.
  • La giada semitrasparente a traslucida è più preziosa della giada opaca.
  • Evita la giada con molte crepe o altri difetti visibili.
  • Cabochon di giada finemente testurizzati, lucidati a specchio e pezzi non intagliati della gemma sono considerati i componenti più desiderabili per i gioielli.
  • La giada è spesso tinta, ma la morte non è considerata un trattamento permanente.
  • I trattamenti termici vengono utilizzati per schiarire o intensificare il colore della giada.
  • La maggior parte della giada è cerata.
  • Il nefrite a colori intensi è talvolta commercializzato come giadeite. Fai attenzione a sapere esattamente quale varietà stai acquistando!
  • I rivenditori disonesti alterano e vendono quarzo tinto e altre pietre, etichettandole come giada: acquistate da qualcuno di cui vi fidate. 
  • La giada può spesso essere confusa con gemme simili come l’avventurina. 
Leggi anche  Come realizzare un braccialetto di perle Tila fantasia

Le pietre preziose e rare di giada sono state un punto fermo delle culture in tutto il mondo per migliaia di anni. Per questo motivo, può essere difficile determinare quando la giada è autentica e quando viene commercializzata e falsificata nel tentativo di indurre in errore il consumatore. Assicurati di porre molte domande e di trattare sempre con rinomate aziende di gioielleria. 

A cura di: Lauren Thomann