Inutile dire che i collezionisti di francobolli non potevano fare a meno dei loro cataloghi.

I cataloghi dovrebbero essere riconosciuti per quello che sono – le guide, non l’ultima parola sul valore dei francobolli. A meno che, come Stanley Gibbons Ltd. cataloghi, l’editore è anche un rivenditore di francobolli. È fantastico per i collezionisti che citano un valore elevato del catalogo delle proprie collezioni di francobolli per i non-collezionisti – il valore impressiona, mentre il proprietario della collezione sa che ha speso molto meno della cifra del catalogo su cui si impegna.

A volte i cataloghi vengono superati dagli eventi. Immagina gli editori di cataloghi che cercano di tenere il passo con i valori esaltanti dei francobolli di Cina e India, due stelle attuali del mondo della raccolta di francobolli, grazie alla domanda sempre crescente.

Uno sguardo casuale ai prezzi richiesti (eBay è un buon barometro casuale del valore del francobollo) mostrerà che c’è una discrepanza molto grande tra il valore del catalogo e le realizzazioni.

La sensazione influisce sui valori dei francobolli

Ci sono molti fattori che influenzano il valore di un francobollo. Uno di quelli che i cataloghi non possono misurare fino a quando il mercato non dà il tono, è il sentimento. I valori basati sul sentimento possono essere una cosa mercuriale. Pensa ai francobolli della Principessa Diana e al modo in cui hanno reagito all’attenzione lanciata su di loro dalla tragedia della morte di Lady Di. I prezzi dei francobolli di nozze di Charles e Diana hanno fatto un salto e poi sono tornati a una gamma di prezzi più ragionevole.

Più recentemente, c’è stato il blip di interesse per il 50 ° anniversario del volo spaziale di John Glenn in Friendship 7, un evento commemorato su un francobollo da 4 ¢ emesso in occasione del ritorno sulla terra di Glenn nel 1962.

Per quanto riguarda il francobollo di Glenn, c’è un aspetto che i cataloghi non registrano – l’impatto delle copertine del primo giorno sulla valutazione di un francobollo. In senso stretto, considerando il numero limitato di copertine del primo giorno in relazione all’intera emissione di francobolli non ci dovrebbe essere una correlazione.

Valore dei francobolli sulla copertina

Mentre molti cataloghi, tra cui il Scott Specialized Catalogue of United States Stamps and Covers elenca un numero di copertine del primo giorno emesse ciò che non è in grado di valutare è come l’interesse della FDC influisce sul valore dei francobolli di zecca. Scott Specializzato fornirà anche un valore per i francobolli usati in copertina fino al 1940. Questi elenchi sono, naturalmente, amati dai collezionisti di storia postale, in quanto fornisce loro una guida per il valore delle loro collezioni. I prezzi di vendita di questi articoli sono spesso più vicini al valore del catalogo rispetto ai francobolli stessi.

Potenziali Rarità di copertura di oggi

Questo dovrebbe essere un avvertimento per coloro che pensano che la collezione della storia postale moderna sia un vicolo cieco. La raccolta della posta corrente è un’attività inutile; potrebbe rivelarsi esattamente l’opposto. Infatti, un giorno i collezionisti potrebbero ritrovarsi a guardare oggetti rari che oggi sono solo posta. Dopotutto, i francobolli vengono usati raramente per posta: quando sono, è quasi un’anomalia.

Qualche editoriale filatelico intraprendente potrebbe fare bene producendo un catalogo che mostra il numero di francobolli usati sulla copertina e offrendo i loro valori – solo come guida, naturalmente. Sta iniziando a guardare, nel 2012, come se questi fossero rari – forse anche più rari – dei classici francobolli emessi in un numero molto minore di francobolli usati sulle copertine. È interessante notare che la collezione di francobolli sembra aver raggiunto il punto di partenza, e con le rarità create proprio sotto il nostro naso.